CODICE ETICO

Welcome To San Michele Salentino

PREMESSA

La   finalità del Codice Etico dell’Associazione Welcome To San Michele Salentino  è quella di affiancare e completare le norme dello Statuto e dei Regolamenti con i principi che danno senso allo stare insieme nel Sistema Associativo e legano fortemente le sue componenti con quelle espresse nel CODICE MONDIALE DI ETICA DEL TURISMO.

La complessità del contesto socio-economico e la necessità di tenere alta la considerazione degli interessi rappresentati, rafforzano l’importanza di definire con chiarezza i valori e le responsabilità che Welcome to San Michele Salentino riconosce, accetta, condivide e assume, contribuendo così al processo di sviluppo dell’economia e dalla crescita civile del Paese.

Welcome to San Michele Salentino si riconosce pienamente nei principi e nei valori sanciti dalla Costituzione della Repubblica Italiana e si pone con senso di responsabilità e con integrità morale di contribuire alla crescita economica, civile e democratica del Paese, in un’economia basata sulla libera iniziativa e che riconosce la funzione sociale del libero mercato.

Welcome to San Michele Salentino rifiuta ogni rapporto con organizzazioni criminali o mafiose e con soggetti che fanno ricorso a comportamenti contrari alla legge.

I soci che aderiscono al Sistema organizzativo dell’associazione respingono e contrastano ogni forma di estorsione, usura o altre tipologie di reato, poste in essere da chiunque e da organizzazioni criminali o mafiose, e collaborano con le forze dell'ordine e le istituzioni, denunciando, anche con l'assistenza di Welcome to San Michele Salentino, ogni episodio di attività illegale di cui sono soggetti passivi.

In tal senso, l’associazione impegna se stessa e di suoi organi, gli associati, i componenti e di dipendenti ad essere compartecipi e coinvolti nel perseguimento degli obiettivi, adottando modelli di comportamento ispirati alla integrità ed eticità, preservando e d’accrescendo la reputazione della classe imprenditoriale quale forza sociale autonoma, responsabile ed eticamente corretta.

 

ART.1-Doveri generali

Tutte le componenti del sistema organizzativo dell’associazione sono tenute:

ad adottare modelli di comportamento ispirati all’integrità morale, deontologica e professionale;

1) ad agire con spirito di giudizio libero da condizionamenti esterni e fondato sul rispetto dei principi costituzionali ed euro unitari, delle leggi dello Stato, sui valori e sulle norme dell’Associazione e sui suoi obiettivi di crescita e di sviluppo nell’interesse del progresso civile, sociale ed economico del Paese e della collettività;

2) a rimuovere gli ostacoli che impediscono la più ampia ed effettiva partecipazione delle donne e dei giovani imprenditori alla vita associativa;

3) ad interpretare il proprio ruolo con eticità, spirito di servizio e nel rispetto delle prerogative e dei doveri ad esso connessi;

4) ad adoperarsi affinché le disposizioni contenute nel presente Codice Etico siano rispettate ed attuate compiutamente, tanto all’interno dell’Associazione e di ogni organizzazione associate, quanto presso gli enti e le società di loro diretta emanazione o sotto il loro diretto controllo.

Le organizzazioni associate a Welcome to San Michele Salentino sono tenute ad adeguare il proprio Statuto a quanto previsto dal presente Codice Etico e dallo Statuto Welcome to San Michele Salentino .

 

ART.2-Doveri dei soci

Nel far parte del Sistema organizzativo dell’associazione i soci s’impegnano a tenere conto, in ogni loro comportamento professionale e associativo, delle ricadute di tale comportamento sull’intera imprenditoria e sull’intero sistema.

Essi pertanto s’impegnano:

come imprenditori:

• ad applicare leggi e contratti di lavoro; a comportarsi con correttezza nei confronti dei propri collaboratori, favorendone la crescita professionale e salvaguardandone la sicurezza sul lavoro;

• a mantenere un atteggiamento rispettoso della libera concorrenza e dei diritti dei consumatori;

• a mantenere rapporti ispirati a correttezza ed integrità con la Pubblica Amministrazione, i partiti politici e con tutte le Istituzioni della vita sociale;

• a considerare la tutela dell'ambiente e la prevenzione di ogni forma di inquinamento con impegno costante.

Come associati:

• a partecipare alla vita associativa;

• a contribuire alle scelte associative in piena autonomia da pressioni interne ed esterne, avendo come obiettivo prioritario l’interesse dell’intera categoria e dell’associazione;

• ad instaurare  e mantenere un rapporto associativo pieno ed escludere la possibilità di rapporti associativi con concorrenti o conflittuali;

• a rispettare le direttive che l’Associazione deve fornire nelle diverse materie e ad esprimere le personali posizioni preventivamente nelle sedi proprie di dibattito interno;

• ad informare tempestivamente l’Associazione di ogni situazione suscettibile di modificare il suo rapporto con gli altri imprenditorie/o con la medesima, chiedendone il necessario ed adeguato supporto.

 

ART.3-Vertici associativi

1.L’elezione è subordinata alla verifica della piena rispondenza dei candidati ad una rigorosa ed effettiva aderenza ad ineccepibili comportamenti personali, professionali ed associativi.

2. I candidati si impegnano a fornire alle istanze competenti tutte le informazioni necessarie e richieste.

3. I nominati/eletti si impegnano:

• ad assumere gli incarichi per spirito di servizio verso gli associati, senza avvalersene per vantaggi diretti o indiretti,

• a mantenere un comportamento ispirato ad autonomia, integrità, lealtà e senso di responsabilità nei confronti degli associati e delle istituzioni, assicurando l’indipendenza rispetto alle personali opzioni politi che nell’espletamento dell’incarico;

• a seguire le direttive confederali, contribuendo al dibattito nelle sedi proprie, ma mantenendo l’unità del sistema verso l’esterno;

• a fare un uso riservato delle informazioni di cui vengono a conoscenza in virtù delle proprie cariche;

• a mantenere con le forze politiche un comportamento ispirato ad autonomia ed indipendenza, fornendo informazioni corrette per la definizione dell’attività legislativa ed amministrativa;

• a coinvolgere effettivamente gli organi decisori dell’Associazione per una gestione partecipata ed aperta alle diverse istanze;

• a rimettere il proprio mandato qualora per motivi personali, professionali od oggettivi la propria permanenza possa essere dannosa all’immagine dell’imprenditoria e dell’Associazione.